Le serate musicali della GAM | Fondazione Torino Musei
Events & Exhibitions / Fondazione Torino Musei

GAM

Le serate musicali della GAM

June 9, 2004 to July 13, 2004

mercoledì 9 giugno alle ore 21.00

ARCHITORTI

Cinque archi, arrangiati e pensati da Marco Robino, propongono un loro particolare “viaggio nel tempo e nello spazio” attraverso quattro secoli di musica: da Monteverdi attraverso Haendel e Strauss per arrivare a Paul Anka, Astor Piazzolla o Lucio Battisti, utilizzando spesso con audacia ed estrema bravura la grande risorsa dell’arrangiamento, senza farsi intimidire da organici originali di vaste proporzioni, né da generi musicali apparentemente antitetici con le risorse timbriche di questo ensemble.

Efix Puleo ed Elena Gallafrio violini
Elena Saccomandi viola
Marco Robino violoncello e trascrizioni
Loris Bertot contrabbasso

In collaborazione con Wetonton Didjeridu Club di Pinerolo

Esecuzioni "alla carta" per raccontare 10 anni di trascrizioni e uno stile.

C. Monteverdi Suite dall'Orfeo
L. Battisti Ancora tu
P. Anka My Way
F. Lehar La vedova allegra - suite
J. Strauss Emperor Waltz
D. D. Sciostakovic Waltz
G. F. Haendel Menuet
G. de Machaut Ay mi ! Dame de valour
Autori vari Suite greca
A. Piazzolla Michelangelo 70
Autori vari Area rock
G. Bizet Carmen sinfonia
M. Ravel Bolero

Sabato 19 giugno alle ore 21.00

Giovanni Sollima, violoncello

Giovanni Sollima e il suo violoncello, insieme alla strumentazione elettronica, sono una fonte inesauribile di invenzioni sonore, di evoluzioni virtuosistiche e di ritmicità  prepotente, cosi come di abbandoni, nostalgie e sogni di altre terre e di culture musicali diverse ma eterogenee. Uno dei più immediati e attraenti esempi di musica contemporanea totale.

Programma della serata:
Giovanni Sollima Concerto rotondo (1998)
Lamentatio (1999)
He wept out of six eyes (2000)
da J. Beuys Song (2001)
Fast
Terra Aria
Terra danza
J. Beuys song
D. Destroy
Slow
Terra acqua

Martedì 29 giugno alle ore 21.00

Carlo Bertola Violoncello
Luca Brancaleon Pianoforte
Michele Di Mauro Voce

Quasi una drammaturgia dell’ultimo viaggio musicale di Schubert, con un violoncello che canta le angosce e i fremiti della solitudine condotto e "accompagnato" dal pianoforte, ed un attore che racconta 14 storie d'amore e di disperazione sullo sfondo dei quadri di Caspar David Friedrich in una versione poetica originale in italiano di Gianluca Favetto.

Programma della serata:
Franz Schubert
Schwanengesang D. 957
14 Lieder per violoncello, pianoforte e voce su testi di L. Rellstab (1-7), H. Heine (8-13) e J.G. Seidl (14)

1. Liebesbotschaft (Messaggio d’amore)
2. Kriegers Ahnung (Il presentimento del guerriero)
3. Frühlingssehnsucht (Nostalgia di primavera)
4. Ständchen (Serenata)
5. Aufenthalt (Sosta)
6. In der Ferne (Lontano)
7. Abschied (Commiato)
8. Der Atlas (Atlante)
9. Ihr Bild (La sua immagine)
10. Das Fischermädchen (La Pescatrice)
11. Die Stadt (La città )
12. Am Meer (Al Mare)
13. Der Doppelgänger (Il sosia)
14. Die Taubenpost (La posta della colomba viaggiatrice)

Martedì 13 luglio alle ore 21.00

Re – Percussio

Il concerto dell’Ensemble Re-Percussio formato da 5 percussionisti è un’esperienza particolarmente attraente per la commistione di brani a carattere etnico, minimale e di ragtime intorno ad una trascrizione della famosissima “West side Story” di Bernstein, con grande uso di tastiere (marimba, vibrafono e xilofono) a rendere quel misto di eccitazione ritmica, fascinazione sonora e magia timbrica che soprattutto oggi emanano da questa giungla di strumenti in perenne evoluzione.

Riccardo Balbinutti
Maurizio Bianchini
Claudio Romano
Matteo Moretti
Carmelo Gullotto

Programma della serata:

Steve Reich Music for pieces of wood
Maurizio Bianchini Ethnics
Carlo Boccadoro Aisha
Russel Peck Lift-off!
Leonard Bernstein Suite da West Side Story (trascrizione di Riccardo Balbinutti)

A Ragtime Symphony:
G.H. Green Xylophoni
Cromatic fox-trot
C. Johnson Dill pickles