ROTAZIONE | Samurai, poeti e uomini d’ingegno | Fondazione Torino Musei
Eventi & Mostre / Fondazione Torino Musei

MAO

ROTAZIONE | Samurai, poeti e uomini d’ingegno

Rotazione di kekemono e ukiyo-e nella galleria dedicata al Giappone

da 22 Ottobre 2020 a 21 Febbraio 2021

La galleria Giappone del MAO cambia nuovamente aspetto!
Per questioni di tutela e conservazione, i kakemono e gli ukiyo-e, le stampe su carta, vengono infatti periodicamente messi a riposo e sostituiti con altre opere delle nostre collezioni, offrendo al visitatore la possibilità di ammirare un’esposizione costantemente rinnovata.

La nuova rotazione parte dalla figura maschile in Giappone quale emerge dalle opere pittoriche del periodo Edo (1603-1868). Da un lato l’ideale marziale dei bushi, gli uomini d’arme, coi loro simboli: gli uccelli rapaci e il fiore di ciliegio. Dall’altro l’ideale dell’uomo di lettere che si ispira più o meno direttamente alle figure di poeti famosi e uomini d’ingegno della tradizione cinese.
Al primo gruppo appartengono un dittico di Kanō Chikanobu (1660-1728), che raffigura due samurai a cavallo, e un ramo di ciliegio fiorito di Kawamura Bunpō (1779-1821). Il detto “Tra i fiori, il ciliegio. Tra gli uomini il samurai” fa riferimento alla bellezza e alla caducità della vita terrena: così come il ciliegio fiorisce e sfiorisce in brevissimo tempo, la vita del guerriero può rivelarsi intensa ma fugace. Allo stesso tempo, una metafora della ferocia e precisione del guerriero giapponese trova il suo compimento in uccelli rapaci come il falco o l’aquila di mare, oggetto quest’ultima di un potente dipinto di Yanagisawa Kien (1704-1758).
Sul versante dell’uomo intellettuale si presentano invece un dipinto di letterati abbigliati alla maniera cinese firmato da Kishi Ganku (1749 o 1756-1838) e un dittico raffigurante Li Bai e Su Shi, considerati in Giappone come i poeti più rappresentativi nella storia della Cina, appartenenti rispettivamente ai periodi Tang (618-907) e Song (960-1279).

Contestualmente alla rotazione dei dipinti nella sala principale al secondo piano, si procederà alla sostituzione delle stampe ukiyo-e nel corridoio e nella sala successiva. Si affaccia qui un altro ideale di personaggio maschile, risalente addietro nel tempo addirittura al periodo Heian (794-1185). Egli si materializza nella prima metà della serie “Murasaki Shikibu Genji Karuta” (Le carte di Genji di Murasaki Shikibu), parodia ottocentesca del famoso romanzo Genji Monogatari risalente all’XI secolo, che narra la storia del “Principe Splendente” Genji: una sorta di Don Giovanni o Casanova giapponese ante litteram.